Valigia Minimal: come preparala

valigia minimal

Oggi voglio parlarti della VALIGIA MINIMAL!

Prima ancora di iniziare a parlarti della valigia minimal, ti starai chiedendo: che cos’è il minimalismo?

Te lo spiego subito!

Si tratta di una concezione di vita dove si tende a possedere, a volere e fare solo quello che davvero è necessario, pertanto essenziale.”

Questo è ciò che troverete anche su internet cercando cosa significa! Tralasciando il fattore della corrente d’arte minimalista ovviamente.

Ebbene sì, questo essere minimalisti è proprio essere essenziali, e non essere attratti dal consumismo, o per meglio dire, resistere al consumismo, cosa non facile essendo che ne siamo praticamente sommersi!

Io in primis sono una persona davvero poco minimalista, ma ho imparato ad esserlo in viaggio!

Infatti in viaggio mi trasformo, è un metodo che ho imparato da pochi anni in realtà, fino a poco tempo fa mettevo mare e monti in valigia fino a farle esplodere praticamente, ero ossessionata dal “NON SI SA MAI..” e così facendo portavo con me tutto l’armadio!

Poi nel corso degli anni ed i viaggi zaino in spalla mi hanno aiutato a capire che il NON SI SA MAI molto spesso è un NON ACCADE QUASI MAI e questo mi ha portata a capire che posso portare con me anche meno cose e sopravvivere lo stesso!

Ecco perché oggi quando parto riesco a fare una valigia un po’ più minimalista rispetto le altre volte!

Se anche tu vuoi sapere come fare una valigia minimalista allora continua a leggere l’articolo!!

Tutto quello che ti serve è già in casa senza bisogno di fare shopping o stressarsi inutilmente. Ovviamente non sono anti shopping, quello che mi manca lo vado a comprare, ma nella maggior parte dei casi tutto il necessario, a meno che non sia proprio il primissimo viaggio, lo abbiamo già in casa.

Prima di tutto bisogna scegliere la valigia da utilizzare, se pensate di stare via dalle 1 alle 2 settimane allora una valigia piccola andrà benissimo, anche la valigia media andrà bene, la grande risparmiatela per un viaggio più lungo!

Ovviamente anche la destinazione è importante per determinare i capi da portarsi appresso, ma il mio consiglio è quello di controllare sempre il meteo del posto prima di partire per avere un’idea di come sarà il clima!

Detto questo, il minimalismo consiste nell’essere minimal,  ed ecco che per essere minimal vi serviranno i capi basici, ad esempio delle semplicissime T-shirt bianche e nere,  magari per le ragazze con lo scollo a V per sentirci comunque più carine, e dei jeans andranno benissimo, le t-shirt sono ideali per cambi di outfit veloci e strategici!

Infatti una semplice maglietta con qualche accessorio tipo una bella collana ed al posto dei jeans una gonna, si adatta perfettamente ad un secondo look da utilizzare alla sera.

Quindi i capi basici sono anche i più versatili! Non prendete colori stravaganti così non sarà difficile abbinarli tra loro!

Le scarpe possono essere un vero blocco soprattutto per noi donne che non sappiamo rinunciare ad una bella scarpa con il tacco!

Niente paura non tutto è perduto infatti potrete optare per le scarpe da ginnastica per la partenza e portarvi almeno un cambio di scarpe per qualche occasione speciale, ad esempio alla sera! Quindi un paio di scarpe con il tacco oppure dei bei stivaletti sono un’ottima opzione al portarsi tutta la scarpiera! In più con il minimalismo molti dei vostri capi saranno bianchi o neri colori basici anche questi, giusto per rimanere in tema minimal! Ma la cosa bella è che stanno benissimo insieme ed il nero fa sera. Quindi sarete sempre perfetti.

Nessuno vieta il colore, ma sicuramente il bianco ed il nero sono i colori più facilmente abbinabili senza nemmeno stare troppo a pensarci sopra!

Ma una maglia colorata potete sempre prenderla con voi! Altrimenti puntate sugli accessori, una sciarpa servirà sempre alla sera e quella potrà essere colorata, noi donne non usciamo mai senza borsa ed anche essa può colorare il nostro look!

Essere minimal non significa essere anonimi, quindi siate versatili ed aggiungete il vostro tocco senza esagerare!

L’intimo ed i calzini saranno tanti quanto i giorni che state via, più uno o due in più.

Parliamo anche dei prodotti da bagno e del make-up!

Ci sono due opzioni che potete fare per i prodotti da bagno quindi shampoo, balsamo, sapone, sapone intimo e vari sieri per capelli!

Si può essere minimalisti anche in questo caso?

La risposta è sì, è possibile ora vi dirò anche come!

La prima opzione è quella di prendere tutti questi prodotti in mono-dosi in questo modo una volta finito butterete il contenitore ed a fine vacanza avrete anche meno peso e più spazio!

L’altra opzione è quella di prendere un solo prodotto che possa essere utilizzato per tutto il corpo dalla testa ai piedi compresi i capelli! Sinceramente io non so se ci riuscirei sono troppo abituata a coccolare i miei capelli e per questo preferisco avere con me sia il mio shampoo di fiducia che il balsamo, il siero posso lasciarlo anche a casa.

Tutti questi prodotti riponeteli dentro un beauty!!

BONUS: potreste pensare di comprarli una volta arrivati a destinazione e poi lasciarli là una volta che ripartite, o buttarli se finiti.

Queste sono le mie dritte per una valigia MINIMALISTA!!

Facciamo un piccolo ricapitolando:

  • Scegli la valigia piccola o media (a seconda dei giorni che starai via).
  • Scegli vestiti quali T-shirt bianche e/o nere più una colorata.
  • Scegli jeans o leggins (anche in pelle) l’importante è che siano comodi.
  • Scegli un paio di scarpe eleganti.
  • Se c’è freddo ricordati la felpa, i maglioni, una giacca ed una sciarpa.
  • Ovviamente se andate al mare ricordatevi i costumi ma non troppi.

 

Mi stavo per dimenticare, vi avevo parlato di make-up.

Siate minimalisti anche in questo caso una  matita occhi non temperabile per averla sempre pronta per ogni evenienza, un mascara, ed un rossetto saranno i vostri prodotti preferiti! Il rossetto si può utilizzare anche come blush! Se invece tenete più alla vostra pelle, una CC cream è ciò che fa al caso vostro!

Buon viaggio all’insegna del minimal!

 

Scritto da: Roberta Lugli

Photo di: Viaggio Routard